Site Loader

Bitcoin e le azioni globali sono scese ore dopo che il primo dibattito presidenziale tra Donald Trump e Joe Biden si è concluso in modo caotico.

La crittovaluta di riferimento ha cancellato una parte significativa dei suoi guadagni di martedì per diventare più bassa dell’1,19 per cento. Allo stesso tempo, i futures legati all’indice S&P 500 dell’America sono precipitati dello 0,85%, suggerendo di aprire in territorio negativo alla campana di apertura di New York mercoledì.

Anche i mercati dell’Asia-Pacifico, tra cui l’ASX 200 dell’Australia, il Nikkei del Giappone e lo Shanghai Composite della Cina, sono calati. In Europa, i futures legati al FTSE di Londra sono scesi dello 0,5%.

VIX

Il sell-off sui mercati a rischio è avvenuto mentre gli investitori hanno ribadito le loro preoccupazioni per le incerte elezioni presidenziali americane. Il loro sentimento negativo ha preso spunto dalle affermazioni di Trump sulla diffusa frode degli elettori e dai suoi voti per contestare attivamente il risultato.

I timori di un’elezione contestata hanno spinto i VIX futures – un barometro per misurare l’incertezza del mercato utilizzando una volatilità più elevata. Economisti, strateghi e analisti hanno previsto un ulteriore rialzo del VIX prima delle elezioni negli Stati Uniti, che potrebbe portare a una svendita a breve termine del mercato azionario.

„Il suggerimento di Trump di contestare attivamente i risultati per settimane dopo il conteggio delle schede aumenta il livello di incertezza per i partecipanti al mercato e probabilmente porterà a una maggiore volatilità man mano che ci avviciniamo al giorno delle elezioni“, ha dichiarato Mark Haefele, Chief Investment Officer per la gestione patrimoniale globale di UBS.

IMPATTO SU BITCOIN

Mentre il mercato Bitcoin Revolution non si preoccupa degli assetti geopolitici, la correlazione erratica della criptovaluta con i sentimenti del mercato globale dal loro crollo sincrono nel marzo 2020 suggerisce un’influenza.

Così sembra, i trader/investitori con esposizione sia in Bitcoin che nei mercati azionari tendono a vendere la criptovaluta per compensare le loro perdite sulle azioni. I trader overleveraged utilizzano anche i loro profitti Bitcoin per riempire le loro posizioni di margine. Questo crea un’ulteriore pressione al ribasso sulla criptovaluta.

Uno degli altri motivi per cui i trader vendono Bitcoin riguarda la liquidità. Nel marzo 2020, la criptovaluta si è schiantata a fianco delle azioni globali perché gli investitori hanno cercato di coprire in contanti. Di conseguenza, l’indice del dollaro USA è salito dell’8,80% durante il routing.

La politica espansiva della Federal Reserve e il pacchetto di stimolo COVID-19 da 2.000 miliardi di dollari del Congresso USA hanno spinto gli investitori a tornare ai mercati azionari, dell’oro e del Bitcoin. Il dollaro USA è sceso durante la distribuzione degli aiuti.

E ora, con l’esaurimento del pacchetto e il secondo disegno di legge di stimolo in ritardo, il dollaro USA è di nuovo in rialzo.

Il Bitcoin, d’altra parte, sta negoziando quasi il 13 per cento in meno rispetto al suo massimo dell’anno scorso, vicino ai 12.500 dollari.

admin